Insularità e gap infrastrutturale. Nessuna ripresa per l’autotrasporto. SARDEGNA



    

autotrasporto_sardegnaNei giorni scorsi si è riunita a Oristano l’assemblea elettiva della CNA FITA Sardegna, l’organizzazione che rappresenta a livello regionale le imprese che aderiscono al sistema del trasporto persone e del trasporto merci. Nel corso dei lavori, il mondo dell’autotrasporto artigiano ha scelto di dare fiducia al presidente uscente Francesco Pinna ma l’occasione è stata utile anche per fare il punto sull’evidente crisi che sta attraversando il settore e sulle possibili soluzioni per uscire dall’impasse. I numeri infatti parlano chiaro: dal 2010 ad oggi il numero delle imprese attive in Sardegna ha fatto registrare un brusco calo, passando da 3.073 a 2.329, un crollo senza precedenti del trasporto su gomma che – fanno sapere da FITA – colloca la Sardegna al 5° posto tra le regioni italiane per riduzione percentuale degli operatori su strada. In termini assoluti parliamo di 774 unità (il 24.2 percento) per un comparto che conta circa 6500 addetti. A pesare come un macigno è il gap dell’insularità che secondo CNA comporta per i sardi “costi aggiuntivi per 1 miliardo e 100 milioni di euro, di cui 650 milioni determinati dai maggiori oneri per il trasporto delle merci”. Dunque motivi connaturati a questo splendido territorio, ma non solo: difatti non è un mistero che la Sardegna sia anche l’ultima regione italiana per dotazione infrastrutturale. Insomma, perché si creino le premesse di una pur minima ripresa servono interventi seri e di non certo piccola entità, come ha spiegato il presidente Pinna: «nel 2016 abbiamo fatto registrare la crescita economica più bassa di tutte le altre regioni italiane e per iniziare a crescere è necessario mettere in primo piano le opere infrastrutturali e il metano».

Secondo i dati della CNA FITA sarda, è vero che nel 2016 c’è stata una ripresa del 7 percento dei volumi di merci trasportate ma è comunque poca cosa rispetto al “vertiginoso crollo di oltre il 30 per cento registrato tra il 2010 e il 2014”. Per Pinna “occorre che il governo regionale recuperi in fretta il ritardo accumulato negli ultimi anni sbloccando la spesa pubblica, velocizzando la spendita dei fondi strutturali europei e, soprattutto, stringendo i tempi di attuazione di quanto previsto negli accordi di programma relativi alle ferrovie, all’Anas e al Patto per la Sardegna”. Tutti buoni propositi che purtroppo, ad oggi, la politica e la pubblica amministrazione hanno disatteso e a cui si aggiunge il nodo di come rendere operativi (ed efficaci) gli uffici periferici della motorizzazione.

L’articolo su La Nuova Sardegna

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.