I ritardi burocratici mettono a dura prova i trasporti eccezionali. ITALIA



    

L’industria della caldareria (mega impianti per la produzione di energia per l’industria chimica e petrolifera) messa a dura prova dalla burocrazia italiana.

Oltre un anno fa, il crollo di ponti e cavalcavia aveva infatti avviato una stretta sui permessi con il passaggio delle competenze dalle Province all’Anas, situazione che di fatto ha rallentato l’iter delle autorizzazioni per i trasporti eccezionali (oltre le 100 tonnellate).

«Per i carichi superiori alle 100 tonnellate – spiega Luca Tosto, presidente di Assocazione Italiana Pressure Equipment (AIPE) – le imprese devono effettuare verifiche sulla stabilità e sulle condizioni dei ponti a proprie spese. Una volta comunicato il percorso ed effettuate le verifiche, queste vengono sottoposte alle Province, che impiegano ulteriore tempo per effettuare i dovuti controlli (oltre 15 giorni). Alla fine di questo lungo iter, che è simile a una roulette russa, non è affatto detto che l’autorizzazione venga rilasciata».

I maggiori costi, gli aumentati controlli e in particolare il mancato rilascio di autorizzazioni al trasporto hanno provocato una paralisi per le aziende del settore.

«Assistiamo – continua Tosto – a una sorta di immobilismo di funzionari e dirigenti pubblici, che non si vogliono assumere la responsabilità di concedere le autorizzazioni temendo poi di doverne rispondere al verificarsi di problemi durante i trasporti».

L’Associazione Costruttori di Caldareria (UCC), federata ad Anima Confindustria, ha dunque promosso un tavolo di lavoro con le concessionarie autostradali Aiscat e Anas con il fine di trovare una soluzione all’emergenza dei trasporti eccezionali da sottoporre al prossimo governo.

«Sarà necessario – osserva Bruno Fierro, presidente di UCC – abbattere tutti i vincoli e le difficoltà di dialogo tra il sistema di catasto online di un ente con quello di un altro. L’obiettivo è accelerare le procedure e minimizzare l’onere economico. Da qui, la proposta di costituire uno sportello unico nazionale per la gestione delle pratiche di autorizzazione al trasporto eccezionale».

L’articolo su Il Sole 24 Ore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.