Documento di output evento pubblico “#TAVOLOPUGLIA. Istituzioni e imprese insieme per lo sviluppo e l’innovazione”

Documento di output

28-03-2017     

L’economia della Puglia mostra segnali di miglioramento, con una crescita al di sopra della media del Mezzogiorno e pari all’1,2%. La regione, insieme all’area di appartenenza, aggancia finalmente la dinamica dell’economia italiana che nel 2015 cresce dello 0,7% e nel terzo trimestre 2016 dello 0,9% su base tendenziale. La perdita di benessere che l’economia del Mezzogiorno ha subito rispetto al periodo pre-crisi è però profonda e il gap rispetto ai livelli del 2007 non è stato ancora colmato: il Mezzogiorno ha perso il 12,7% del PIL pro-capite del 2007 e la Puglia il 9,7%. Il valore aggiunto delle attività economiche della Puglia conferma le difficoltà di recupero del tessuto produttivo rispetto agli anni prima della crisi, anche se la performance della Puglia è migliore rispetto al resto del Mezzogiorno, dove complessivamente il valore aggiunto delle attività economiche si è ridotto senza soluzione di continuità fino al 2014. Nella regione si è ridotto principalmente il valore aggiunto del comparto manifatturiero, che dal 2007 al 2014 ha perso il 22%. Il valore aggiunto dei servizi ha invece guadagnato il 7% in termini cumulati nel 2015 rispetto al livello pre-crisi. A testimonianza di una discreta tenuta del sistema economico pugliese nell’ultimo decennio, contraddistinto da una crisi devastante e prolungata, le imprese pugliesi hanno dovuto far ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni ed altri sussidi da politiche passive del lavoro meno delle altre regioni del Mezzogiorno e in percentuale inferiore rispetto alla media italiana, merito anche – come emerge dal tavolo di confronto – di un utilizzo intelligente degli strumenti di politica industriale e di un dialogo proficuo con i sindacati e le organizzazioni sociali, finalizzato alla riqualificazione e alla ricollocazione lavorativa. È pur vero che i numeri non possono raccontare in modo esaustivo gli sforzi che sono stati fatti nel governo del territorio durante gli ultimi anni. Anche se ad oggi la Puglia è in coda per molti aspetti, i miglioramenti si sono registrati e molti sono, e sono stati, i programmi di sostegno alle attività di ricerca e agli investimenti innovativi nelle imprese. Si pensi al recentissimo bando “Innonetwork” in cui la Regione Puglia ha investito 30 milioni di € per promuovere la creazione di partnership tecnologiche pubblico-private e l’aggregazione tra imprese esistenti e start up tecnologiche su progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Le domande ricevute dalla Regione sono state tantissime ed evidenziano un rinnovato dinamismo del tessuto produttivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.